spot_img

Diventa un caso l’accordo sul coordinamento in politica estera tra Russia e Serbia


A New York i Ministri degli Esteri Lavrov e Selakovic firmano un agreement che impegna i due Paesi a consultarsi sulla politica estera. L’Ue si interroga sul processo d’integrazione della nazione balcana. I timori per un allargamento russo nella regione

A New York i Ministri degli Esteri Lavrov e Selakovic firmano un agreement che impegna i due Paesi a consultarsi sulla politica estera. L’Ue si interroga sul processo d’integrazione della nazione balcana. I timori per un allargamento russo nella regione

Negli ultimi mesi la Serbia di Aleksandar Vučić ha resistito alle pressioni dell’Unione europea per l’imposizione di sanzioni alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina, suscitando dubbi e perplessità sul reale interesse di Belgrado di procedere con l’ingresso nel blocco europeo. Ma quanto è avvenuto nei giorni scorsi a New York ha del sensazionale, e rischia di creare una frattura insanabile con Bruxelles, visto che la decisione del Governo Vučić va in totale contrasto con le politiche Ue.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo