spot_img

Arabia Saudita e Usa tra vecchie tensioni e nuove alleanze


Antony Blinken incontra MBS e punta a riconquistare influenza con Riyadh sui prezzi del petrolio, respingere l’influenza cinese e russa nella regione e promuovere la normalizzazione dei legami sauditi-israeliani

Sembrano sempre di più andare verso la normalizzazione i rapporti tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Il Segretario di Stato americano, Antony Blinken, è arrivato in Arabia Saudita ieri per una visita di tre giorni. Già subito al suo arrivo Blinken ha incontrato il principe ereditario Mohammed bin Salman e, secondo quanto ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Matthew Miller, i due si sono impegnati a “promuovere la stabilità, la sicurezza e la prosperità in tutto il Medio Oriente e oltre”.

La missione del Segretario di Stato americano ha come scopo quello di cercare di rafforzare le relazioni tra i due paesi che hanno una storia di relazioni difficili e disaccordi specie nel campo dei diritti umani. Tra gli argomenti in discussione anche la collaborazione per raggiungere la pace in Yemen. Blinken ha anche sottolineato che le relazioni bilaterali tra Washington e Riyadh sono state “rafforzate dai progressi sui diritti umani”, e ha ringraziato l’Arabia Saudita per il suo sostegno durante la recente evacuazione di cittadini statunitensi dal Sudan dilaniato dalla guerra, nonché per gli sforzi diplomatici per fermare i combattimenti tra fazioni sudanesi rivali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo