spot_img

Argentina: la città di Rosario sotto assedio narco


Terrore nella città di Messi e Di María. Le autorità inaspriscono le condizioni di detenzione dei boss e le gang rispondono uccidendo civili a caso nelle strade. Il presidente Milei schiera le forze federali ma la città è paralizzata.

Terrore nella città di Messi e Di María. Le autorità inaspriscono le condizioni di detenzione dei boss e le gang rispondono uccidendo civili a caso nelle strade. Il presidente Milei schiera le forze federali ma la città è paralizzata.

Scuole chiuse, trasporti pubblici paralizzati, taxi sospesi, servizi sanitari ridotti al minimo. A Rosario, la seconda città più popolosa dell’Argentina dopo Buenos Aires, è interrotto da giovedì anche il servizio della nettezza urbana.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo