spot_img

Finita la “luna di miele” tra Milei e gli Argentini?


Per la prima volta dal suo arrivo al potere i sondaggi rispecchiano una valutazione negativa dell’operato del governo. Anche il FMI rivede al ribasso le previsioni economiche nonostante il forte appoggio di Washignton.

Per la prima volta dal suo arrivo al potere i sondaggi rispecchiano una valutazione negativa dell’operato del governo. Anche il FMI rivede al ribasso le previsioni economiche nonostante il forte appoggio di Washignton.

Nel mese di dicembre, l’Argentina ha assistito all’aumento mensile dell’inflazione più significativo degli ultimi 30 anni, con una crescita superiore al 25% mensile. La variazione dei prezzi dei prodotti di prima necessità, come carne, latte e riso, è diventata una costante giornaliera sugli scaffali dei supermercati. A gennaio, l’aumento dei prezzi è giunto anche ai carburanti, con un incremento del 27% all’inizio dell’anno e un ulteriore 16% entro la fine del mese. È atteso a breve anche un aggiornamento delle rette scolastiche e universitarie, a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno accademico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo