spot_img

L’asse Roma-Parigi-Berlino: dal trattato dell’Eliseo a quello del Quirinale


Il rilancio del cantiere della costruzione europea, in particolare nei settori della difesa e dell’immigrazione: l’ipotesi non sembra di facile attuabilità ma potrebbe rilanciare il dibattito sulla costruzione dell’Ue in un momento delicato

L’ipotesi, almeno sulla carta, non sembra di facile attuabilità ma avrebbe sicuramente il merito di rilanciare il dibattito sulla costruzione dell’Unione europea in un momento delicato, dopo l’uscita di scena della Cancelliera tedesca Angela Merkel e in vista delle elezioni francesi dell’anno prossimo.

Creare un collegamento tra il vecchio Trattato dell’Eliseo firmato nel ‘63 dal Presidente francese De Gaulle e dal Cancelliere tedesco Adenauer e il nuovo Trattato del Quirinale che verrà firmato a Roma giovedì prossimo, 25 novembre, dal Presidente francese Emmanuel Macron e dal Presidente del Consiglio Mario Draghi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo