spot_img

Brasile, il ritorno di Lula


Dopo le elezioni del 2 ottobre si va al ballottaggio. Con la sinistra in netto vantaggio, il Presidente Bolsonaro sventola lo spauracchio dei brogli. Si teme una riedizione locale dei fatti di Capitol Hill

Questo articolo è stato pubblicato sul numero di settembre/ottobre di eastwest.

Lo spettro del golpe cala nuovamente sul Brasile in vista delle elezioni del prossimo 2 ottobre, e a sbandierarlo è lo stesso Governo in carica. Dopo le critiche ricevute all’estero e in patria per la gestione della pandemia di Covid-19, che ha provocato più di 682mila morti in Brasile, il Presidente Jair Bolsonaro ha inizialmente impostato la sua strategia di campagna per la rielezione sulla denuncia di possibili brogli. Già nel 2021 la Corte Suprema ha aperto un’indagine contro l’ex capitano dell’esercito brasiliano per la diffusione di notizie false intorno al sistema elettorale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo