spot_img

Italia

La crisi della sinistra di governo

Il disastro finanziario del 2007/2008 (anno di nascita del PD) ha messo in crisi tutti i partiti di sinistra al governo, considerati corresponsabili della situazione e difensori dello status quo e degli interessi che avevano originato lo smottamento sociale ed economico

Italia: Expo 2030, sfida con valori universali

Un’esposizione universale può diventare un fattore di cambiamento completo, sia a livello economico e strutturale sia per le emozioni e i comportamenti che innesca nella gente

Giappone, Regno Unito e Italia: accordo militare trilaterale sul programma Tempest

Lo sviluppo dei caccia di nuova generazione rappresenta opportunità e vantaggi economici, industriali, politici e militari per i tre Paesi. I dettagli sulla progettazione e ripartizione saranno annunciati l’anno prossimo

Italia/Cina: un incontro più economico che politico, definito dalle fonti ufficiali “cordiale”

Nell’incontro al G20 con il Presidente cinese Xi Jinping, Giorgia Meloni mantiene la sua posizione atlantista pur promuovendo l’incremento di alcuni canali commerciali con Pechino

Ue, no a modifiche al Pnrr: quali rischi per l’Italia e l’Europa

I mercati non condividono le speranze di Mario Draghi e dubitano della capacità del prossimo Governo di gestire il famoso Pnrr, la cui eventuale rinegoziazione sarebbe una débâcle per tutta l’Unione europea

L’Italia verso le elezioni

Chiunque governerà sarà, certo a modo suo, un inevitabile erede della pugnalata “agenda Draghi”. I vincoli europei a cui l’Italia è soggetta e la garanzia di Sergio Mattarella assicurano la continuità della stagione delle riforme

Può sopravvivere una democrazia populista?

Il 25 settembre voteremo per il rinnovo della classe dirigente del nostro Belpaese. Cosa ci dicono i numeri sul ruolo dei giovani, alla vigilia del voto in Italia? La Prima Pagina del nuovo numero di eastwest

Turchia e Italia rafforzano la partnership strategica

La visita storica di Mario Draghi ad Ankara segna una nuova fase nel rapporto tra i due Paesi. Alle spalle le polemiche dei mesi scorsi, dalle crisi siriana e libica alle tensioni turche con l’Ue, passando per la questione dei migranti

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

La crisi ucraina obbliga a concentrarsi sul rafforzamento del fronte orientale. Un cambio di passo significativo per il Patto atlantico, che sembra allontanarsi dalle sfide del Mediterraneo. Draghi possibile candidato al dopo Stoltenberg

Dal G7 un “whatever it takes” per gli aiuti all’Ucraina

Draghi insiste sul price cap e trova dalla sua parte Francia e Stati Uniti. D’accordo anche il Cancelliere tedesco Scholz, mostratosi più collaborativo. Chiuso il G7, il premier italiano è volato a Madrid per partecipare al vertice Nato

ULTIME NOTIZIE

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo