spot_img

Periodo di “relativa calma” per le supply chain


Secondo diversi sondaggi, la pressione sulle catene di approvigionamento globali si sta allentando. Ma tra i rischi principali che potrebbero causare nuovi intoppi c'è proprio la geopolitica: le esercitazioni cinesi intorno Taiwan, ad esempio

Secondo diversi sondaggi, la pressione sulle catene di approvigionamento globali si sta allentando. Ma tra i rischi principali che potrebbero causare nuovi intoppi c’è proprio la geopolitica: le esercitazioni cinesi intorno Taiwan, ad esempio

Dopo diciotto mesi che il Financial Times definisce “turbolenti”, il periodo di crisi delle catene di approvvigionamento – iniziato con la pandemia e i lockdown, proseguito con l’incagliamento della Ever Given nel canale di Suez e ulteriormente aggravato dall’invasione dell’Ucraina – sembra dirigersi verso una “relativa calma”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo