spot_img

Israele, visita storica del Ministro degli Esteri turco


Mevlut Cavusoglu è il primo Ministro turco in 15 anni a visitare lo Stato ebraico. Intanto ad Ankara si incontrano sherpa turchi, svedesi e finlandesi sull’accesso di Stoccolma e Helsinki nella Nato

Torna sempre più il sereno tra le sponde mediterranee che uniscono Turchia e Israele. Dopo un lungo periodo di tensioni, i due Paesi riprendono il dialogo e gli incontri ad alto livello, l’ultimo dei quali ha visto il Ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu recarsi nello Stato ebraico per incontrare il collega di Tel Aviv Yair Lapid. Cavusoglu è il primo Ministro turco in 15 anni a visitare Israele.

Entrambe le nazioni sono centrali nell’architettura di stabilizzazione della macro area mediterranea e del Vicino e Medio Oriente, ciascuno con le proprie prospettive e spesso con interessi contrastanti. Ma Ankara e Tel Aviv sono determinate ad aumentare il volume d’affari e la cooperazione economica, come esplicitato da Cavusoglu. “Abbiamo superato gli 8 miliardi di dollari l’anno scorso, con cifre promettenti per il 2022”, ha detto il Ministro degli Esteri turco, che ha aggiunto: “La nostra prossimità geografica e le complementari economie dei Paesi rendono Turchia e Israele partner commerciali naturali”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo