spot_img

Chip War: le fonderie di Taiwan si ribellano alle restrizioni Usa


Taipei e Seul sembrano meno convinte del Giappone a seguire le restrizioni anticinesi volute da Washington. “Taiwan è Taiwan, non fa parte degli Stati Uniti", ha detto il fondatore e capo della Powerchip in un'intervista. “Vogliamo mantenere la nostra democrazia, ma non siamo nemici della Cina e vogliamo continuare a farci affari"

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo