spot_img

Etiopia: una guerra (in)visibile


Il conflitto nel Tigray non è una semplice operazione di polizia in una regione ribelle, ma una vera e propria guerra dalle conseguenze devastanti per tutto il continente

Il conflitto nel Tigray non è una semplice operazione di polizia in una regione ribelle, ma una vera e propria guerra dalle conseguenze devastanti per tutto il continente

Il conflitto nel Tigray, la più ricca e storicamente influente regione dell’Etiopia, è iniziato lo scorso 4 novembre, quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ordinato un’offensiva militare contro le forze locali motivandola come risposta a due raid lanciati dai militari tigrini contro la base di Dansha e della capitale Macallè, che ospitavano truppe governative.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo