spot_img

Russia, cosa prevede la nuova dottrina navale di Putin


Nella Giornata della Marina russa, il Presidente Vladimir Putin ha firmato il documento che delinea gli obiettivi navali strategici. Stati Uniti e Nato le principali minacce alla sicurezza nazionale

Domenica il Presidente russo Vladimir Putin ha apposto la sua firma sulla nuova dottrina navale della Russia. Il documento, lungo una cinquantina di pagine, delinea gli obiettivi strategici della marina militare russa e ambisce a trasformare la nazione in una “grande potenza marittima” capace di proiettarsi sul mondo intero.

La cerimonia – dopo la firma c’è stato un breve discorso del Presidente – si è svolta in un momento e in un luogo significativi: a San Pietroburgo, antica capitale imperiale e porto principale del Paese, il 31 luglio, data in cui si festeggia la Giornata della Marina russa. Putin ha ringraziato lo zar Pietro il Grande, fondatore di San Pietroburgo – al quale peraltro si è paragonato, in una sorta di continuità storica tra la guerra contro la Svezia del 1700-1721 e l’invasione dell’Ucraina –, per aver reso la Russia una potenza marittima.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo