spot_img

Dal G7 un “whatever it takes” per gli aiuti all’Ucraina


Draghi insiste sul price cap e trova dalla sua parte Francia e Stati Uniti. D'accordo anche il Cancelliere tedesco Scholz, mostratosi più collaborativo. Chiuso il G7, il premier italiano è volato a Madrid per partecipare al vertice Nato

Draghi insiste sul price cap e trova dalla sua parte Francia e Stati Uniti. D’accordo anche il Cancelliere tedesco Scholz, mostratosi più collaborativo. Chiuso il G7, il premier italiano è volato a Madrid per partecipare al vertice Nato

Nelle varie sessioni di lavoro tra domenica 26 e martedì 28 a Schloss Elmau, nelle montagne bavaresi, i sei leader del G7, oltre alla Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e al Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, hanno ascoltato con attenzione il premier Mario Draghi che snocciolava tutti i rischi che sta correndo l’economia mondiale a causa della crisi tra Russia e Ucraina.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo