spot_img

“Make in India”, il piano di Modi che non sta in piedi


Il piano del Primo Ministro indiano per il rafforzamento della manifattura domestica potrebbe lasciare l’India senza armi, come aerei ed elicotteri, rendendola vulnerabile in caso di scontri con la Cina o il Pakistan

Il piano del Primo Ministro indiano per il rafforzamento della manifattura domestica potrebbe lasciare l’India senza armi, come aerei ed elicotteri, rendendola vulnerabile in caso di scontri con la Cina o il Pakistan

Il piano del Primo Ministro indiano Narendra Modi per il rafforzamento della manifattura domestica potrebbe lasciare l’India sprovvista di armamenti. Le forze armate non possono infatti più acquistare dall’estero tutta una serie di componenti per sostituire quelli obsoleti. Il rischio – stando ai funzionari sentiti da Bloomberg – è che il Paese si ritrovi in una situazione di carenza critica di elicotteri entro il 2026 e di area da caccia entro il 2030; una situazione che lo renderebbe vulnerabile in caso di scontri con la Cina o il Pakistan, suoi rivali regionali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo