spot_img

Il Mozambico tra gas e terrorismo jihadista


Secondo i dati dell'UNHCR, sono 700mila gli sfollati dopo l'aumento della violenza per mani dei jihadisti di al-Shabaab. E l'instabilità produce ripercussioni economiche

Secondo i dati dell’UNHCR, sono 700mila gli sfollati dopo l’aumento della violenza per mani dei jihadisti di al-Shabaab. E l’instabilità produce ripercussioni economiche

All’inizio del 2010, al largo della remota costa settentrionale del Mozambico sono stati scoperti i più grandi giacimenti di gas naturale liquefatto (Gnl) di tutto il continente africano. Il rilevamento ha prodotto una massiccia ondata di investimenti nella provincia di Cabo Delgado, ma nel contempo ha anche causato l’allontanamento forzato della popolazione locale, che in seguito ha visto disattese le opportunità di lavoro.

Il terrorismo di al-Shabaab

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo