spot_img

NATO-Turchia: Stoltenberg vola da Erdoğan per sciogliere i nodi sull’ingresso svedese nella NATO


Il Segretario Generale della NATO è arrivato ad Ankara per una visita di due giorni per parlare della questione svedese. In Svezia sono entrate in vigore le nuove leggi anti-terrorismo, un passo significativo per soddisfare le richieste di Ankara

Il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg è in Turchia questo weekend – 3 e 4 giugno 2023 – per discutere su come accelerare il via libera all’ingresso della Svezia nell’alleanza atlantica. Fino ad oggi, Ankara ha ritardato l’espansione NATO, accusando la Svezia di ospitare terroristi. Adesso, però, Stoccolma ha annunciato una nuova legge antiterrorismo più severa, entrata in vigore questo giovedì, che ci si aspetta che possa soddisfare Erdoğan.

Proprio così, è ancora lui l’uomo da compiacere. Erdoğan, fresco di rielezione, sarà ancora per cinque anni alla guida della Turchia. In un universo parallelo, Stoltenberg avrebbe potuto incontrare Kemal Kiliçdaroğlu, il candidato che si pensava potesse davvero mettere fine al monopolio di Erdoğan. Invece, così non è stato: il “sultano che non perde mai”, ha vinto anche questa volta, in delle elezioni giudicate come “discutibili” dagli osservatori internazionali.

Pressing occidentale per accelerare l’ingresso svedese

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo