spot_img

Il rapporto IAEA sulla missione a Zaporizhzhia


La situazione alla centrale nucleare non è più sostenibile non solo per i danni alle installazioni ma anche per le condizioni di massimo stress a cui i lavoratori ucraini sono sottoposti sotto il controllo delle forze armate russe

La situazione alla centrale nucleare non è più sostenibile non solo per i danni alle installazioni ma anche per le condizioni di massimo stress a cui i lavoratori ucraini sono sottoposti sotto il controllo delle forze armate russe

Martedì 6 settembre, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha rilasciato il rapporto della visita effettuata da 14 suoi membri nella centrale nucleare di Zaporizhzhia tra l’1 e il 5 settembre. Dal 4 marzo scorso, il sito è sotto controllo militare russo, mentre ufficialmente la gestione è ancora affidata all’Energoatom, l’agenzia atomica ucraina. Solo grazie alla mediazione del Presidente francese Macron, Putin ha alla fine dato libero accesso agli ispettori IAEA facendo scattare la luce verde al semaforo dell’ispezione sulla base della quale è stato redatto un rapporto sulla situazione del sito atomico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo