spot_img

Semiconduttori, cosa stanno facendo gli Usa per non perdere il primato sui chip


Gli Stati Uniti sono i primi nella progettazione di semiconduttori ma devono affidarsi a Taiwan per la manifattura e l’assemblaggio. Ieri il Congresso ha aperto le trattative per una legge che sviluppi internamente queste capacità

Gli Stati Uniti sono i primi nella progettazione di semiconduttori ma devono affidarsi a Taiwan per la manifattura e l’assemblaggio. Ieri il Congresso ha aperto le trattative per una legge che sviluppi internamente queste capacità

Ieri il Congresso degli Stati Uniti ha aperto le trattative formali su una legge per lo sviluppo della capacità manifatturiera domestica di semiconduttori, o microchip. Si tratta di componenti – anche molto sofisticati – necessari alla realizzazione di automobili, computer, elettrodomestici, smartphone e dispositivi tecnologici simili, tra le altre cose; sono dunque cruciali per lo sviluppo futuro e la competitività delle economie.

Convergenze anti-cinesi tra democratici e repubblicani

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo