spot_img

La contesa dell’oro bianco


Il litio è il sogno della fine del petrolio e il 59% delle sue riserve si concentra in America Latina, in particolare in Bolivia, Cile e Argentina, che però, oggi, non sono i Paesi di maggior produzione di questo metallo critico, incapaci di creare una “Opec del litio”. Ue, Usa, Cina e Russia si contendono i contratti con i governi latinoamericani per lo sfruttamento dei giacimenti e la produzione

Dalle nevrosi dei Nirvana al discorso sullo stato dell’Unione di Ursula von der Leyen: così potrebbe essere riassunto il percorso del litio nell’ultima trentina di anni. “Il litio e le terre rare saranno presto più importanti di petrolio e gas”, ha infatti ricordato il 15 settembre a Strasburgo al Parlamento Europeo la Presidente della Commissione Ue. “Oggi quasi il 90% delle terre rare e il 60% del litio vengono lavorati in Cina. Identificheremo progetti strategici lungo tutta la filiera, dall’estrazione alla raffinazione, dalla lavorazione al riciclo. E creeremo riserve strategiche dove l’offerta è a rischio”.

Un discorso per annunciare una “legge europea sulle materie prime critiche”, che assieme agli altri incentivi decisi da Joe Biden negli Stati Uniti porta dunque a rilanciare lo slogan sul litio come “oro bianco” e “petrolio del futuro”. Nel 1991 Lithium fu una hit scritta da Kurt Cobain per i Nirvana. Il litio del titolo, nella canzone, è uno stabilizzatore dell’umore per prevenire il comportamento maniacale acuto nei pazienti con disturbo bipolare, ed è quindi una metafora per indicare l’instabilità mentale.

Il litio compie cento anni

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo