spot_img

Cina, al World Peace Forum scambio di accuse tra Russia e Stati Uniti


Gli ambasciatori dei due Paesi discutono in un raro confronto nella capitale cinese. Gli Usa criticano anche il Ministero degli Esteri del Partito comunista

Gli ambasciatori dei due Paesi discutono in un raro confronto nella capitale cinese. Gli Usa criticano anche il Ministero degli Esteri del Partito comunista

Il World Peace Forum di Pechino organizzato dalla Tsinghua University, supportato dal think tank Chinese People’s Institute of Foreign Affairs, giunge alla decima edizione in un clima di tensione e di reciproca diffidenza tra i più importanti attori mondiali. Non un caso che sul palcoscenico dell’evento si siano confrontati, in sostanza, i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza Onu, in un panel intitolato The United Nations and Global Order. Una ricerca spasmodica delle Nazioni Unite, forse l’unico tra gli organismi ancora in grado di ospitare il dialogo tra le nazioni in conflitto — sia armato che verbale —, potendo giungere a potenziali decisioni risolutive, veto permettendo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo